Condividi questo articolo

Fintech Italia 2020: ecco quello che devi sapere!

Le Fintech Italiane ed estere, già di sua natura innovativo, è alle prese con 3 trend e cambiamenti epocali nelle condizioni del mercato, nuove legislazioni e cambiamenti nel comportamento e nei bisogni degli utenti.

Tutto ciò, si traduce sempre di più nel capire i bisogni degli utenti attraverso le sue ricerche nei motori di ricerca.

Le aziende fintech, che si specializzano nel fornire servizi e prodotti finanziari, hanno costretto i leader del settore già presenti da anni sul settore a modificare i loro business model; pensiamo ad esempio al caso del conto N26, gratuito e divenuto virale in poco tempo fino a raggiungere una valutazione di 3.5 miliardi a luglio 2019 con 3 milioni e mezzo di utenti.

Nonostante la crescita che non vede segni di rallentamento, il settore fintech ha di fronte delle scelte da compiere in quanto deve affrontare 4 diversi cambiamenti che ne stravolgono l’ambiente competitivo.

Per ognuno di queste sfide, la creazione di un private partner network ad hoc può aiutare le fintech ad affrontare questo settore turbolento e in rapido cambiamento.

Ecco i più importanti trend emersi nel settore fintech:

1. Espansione del mercato e del raggio di azione delle aziende fintech

All’inizio della rivoluzione fintech, le aziende si potevano classificare in tre macro aree:

  1. App per pagamenti;
  2. Lending;
  3. Trasferimento soldi in diverse valute

Nell’ultimo periodo, la portata del settore fintech si è sviluppato al punto da toccare 30 aree differenti, fornendo nuovi servizi riguardo:

  1. Retail;
  2. Gestione del patrimonio;
  3. PMI;
  4. Banche commerciali e di investimenti;
  5. Assicurazioni (Insurtech)

Fintech aziende ambiene

L’ampliamento del raggio di azione delle aziende fintech conduce ad un aumento del numero potenziale di clienti, sgretolando le barriere tra business consolidati e aziende fintech,

Come si inserisce il private partner network in tutto questo?

L’incremento del numero di prodotti o servizi offerti dalle aziende fintech Italia e Estere conduce ad un aumento direttamente proporzionale del numero di bisogni degli utenti da soddisfare.

Per questo motivo, conoscere ciò che le persone ricercano diventa per le aziende fintech un vero e proprio vantaggio competitivo, come abbiamo visto in questo articolo. In questo caso, i private partner network permettono di coprire tutti i risultati dei motori di ricerca con il proprio brand.

Per aziende fintech con prodotti molto innovativi è fondamentale costruirsi una solida base di early-adopter e sviluppare una brand reputation; questo permette di porre le basi di una solida crescita.

In questo contesto, i private partner network permettono di impattare positivamente lungo tutto il percorso del funnel, pagando solo per i clienti acquisiti.

2.Normalizzazione del valore delle aziende fintech

La crescita del numero di startup fintech e il tasso di crescita che hanno registrato hanno inizialmente condotto la valutazione delle aziende fintech a livelli elevati.

Solo nel 2018, gli investimenti totali globali sono ammontato a 111.8 Miliardi, secondo il report “The Pulse of Fintech 2018” da parte di KPMG 

Mercato fintech investimenti

Nonostante questa crescita di investimenti, gli investitori stanno diventando sempre più cauti sulle valutazioni delle aziende fintech.

Infatti, avere una solida customer base e strategia di acquisizione clienti online permette all’azienda fintech di essere più solida e, quindi, di valere di più agli occhi dei possibili investitori.

Come si inserisce il private partner network in tutto questo?

Per garantire un aumento del valore dell’azienda fintech nel tempo è diventato necessario avere una solida strategia online e di comunicazione del proprio prodotto, soprattutto quando molto innovativo.

In questo senso, è molto significativo il caso di N26 che, grazie alla creazione di private network, è riuscito a dominare i risultati dei motori di ricerca, generando performance incrementali. Questo, associato anche ad un buon prodotto, ha permesso a N26 di raggiungere un valore di 3.5 miliardi a luglio 2019 e 3 milioni e mezzo di utenti.

3. Cambiamenti nella legislazione e nelle regolamentazioni

L’impatto delle legislazioni sulle aziende, soprattutto fintech, è molto forte.

infatti, le regolamentazioni possono essere dei veri e propri acceleratori di innovazioni fintech, attraverso:

  • test in ambiente controllato (sandbox) di innovazioni
  • lo sviluppo di progetti universitari;
  • creazione di clusters di fintech, dove mettere in contatto investitori / stalkeholders con le aziende fintech.

Nonostante l’attitudine principalmente positiva e favorevole alle innovazioni fintech, l’impatto sulle start-up più giovani può essere critico.

Come si inserisce il private partner network in tutto questo?

Essere una fintech sulla “rampa di lancio”, con un record positivo di crescita ed una solida strategia di acquisizione clienti, permette di mettersi al riparo da improvvisi mutamenti legislativi.

La creazione di private partner network, remunerati a performance, permette di sviluppare una strategia di acquisizione clienti scalabile e sostenibile, pagando solo ad acquirente acquisito.

Questo nuovo paradigma di performance marketing, inoltre, permette di acquisire più velocemente una buona base solida di utenti, senza dispersione di budget.

Raggiungere un numero elevato di clienti e stakeholder permette di avere anche maggior peso nello sviluppo di nuove regolamentazioni maggiormente favorevoli.

In conclusione

Le fintech  Italia si trovano in un contesto di rapido cambiamento, in cui nascono nuovi mercati velocemente, creando nuove possibilità di prodotti / servizi; allo stesso tempo, gli investitori sono diventati sempre più cauti nelle valutazioni nelle aziende fintech, premiando quelle che sono riuscite a strutturare una strategia di acquisizione clienti solida e scalabile. Verticalmente a tutto ciò, le regolamentazione possono sia favorire ancora di più la crescita delle fintech che mettere a dura prova il loro modello di business.

In tutto questo, la creazione di private partner network rappresenta uno strumento idoneo per supportare il ramp-up delle fintech grazie alla creazione di un piano acquisizione clienti sostenibile e ad alto impatto.