Condividi questo articolo

Il performance marketing è il modo più efficace, dal punto di vista del brand, per acquisire clienti online, perchè il brand paga solamente a conversione generata.

Tra i vari canali di performance marketing, quello più diffuso è l’affiliazione, nel quale il brand affida al Network una campagna ad un costo per acquisizione predefinito; successivamente gli editori si iscrivono al network, aderiscono alla campagna e verranno remunerati solo per le conversioni generate.

Questo approccio permette di risolvere 3 problemi del digital marketing:

  • Ad fraud: non è possibile “truffare” i brand, in quanto i publisher vengono remunerati solo per le conversioni generate. Niente più KPI “gonfiati”.
  • Consistent measurement: generalmente, le piattaforme e il brand utilizzano KPI e nomenclature differenti, imbattendosi nei cosiddetti “misunderstanding“. Tuttavia, in questo caso conta solo un KPI: la conversione.
  • Viewability Level: nelle campagne display, molto spesso i banner non vengono visti dagli utenti, spingendo il viewability level verso il basso; nel caso dell’affiliation basato sulle performance, invece, accadrà l’esatto opposto, perchè l’editore avrà tutto l’interesse a far leggere il suo articolo o contenuto.

Inoltre, nell’approccio tradizionale dell’affiliate marketing, il Network pubblica la campagna del brand e, chiunque abbia un sito internet, può completare l’iscrizione e accedere alle offerte attive. Questo approccio, oltre a non risolvere due fondamentali problemi (Brand safety e Data privacy) può provocare l’insuccesso della campagna del brand e il danneggiamento della Brand Identity del cliente


Scopri perché non siamo un Network di Affiliazione


Perchè l’Affiliate Marketing tradizionale non sfrutta al meglio il potenziale del Performance Marketing?

Come avevamo anticipato, sono due i problemi che il mondo digitale affronta da tempo, e che l’Affiliate Marketing non sembra riuscire a risolvere:

  • Brand Safety: dove viene pubblicato il mio annuncio e dove compare il mio brand?
  • Data Privacy: come vengono utilizzati i dati, anche in ottica di GDPR e PSD2?

La principale conseguenza è una spiccata diffidenza da parte del Brand nell’utilizzo questo specifico canale di performance marketing.

Oltre al Brand stesso, il modello di Affiliazione classico, che per tradizione è “aperto”, ovvero accessibile a tutti, provoca dei danni anche agli Editori, e vi spieghiamo il motivo.

Se i primi vengono danneggiati in immagine e autorevolezza, poiché accostati a siti internet poco autorevoli e, talvolta, improvvisati, i secondi risulteranno poco performanti in quanto, pur di partecipare ad una campagna di un Brand importante (per esempio, American Express), selezioneranno campagne che vanno ampiamente fuori dal target di riferimento del loro sito. Il risultato sarà pessimo e l’editore si sentirà “abbandonato a sé stesso”, in quanto il canale di affiliazione classico non prevede neanche una customer care. 

Come sfruttare quindi i benefici del Performance Marketing ed eliminare queste barriere che limitano lo sviluppo e la fiducia dei Brand?

Il Private Partner Network, un nuovo canale di performance marketing per il finance

A differenza del Network di Affiliazione tradizionale, dove la campagna del Brand è aperta e visibile a tutti gli editori, nel Private Partner Network è lo stesso Network a decidere gli editori a cui affidare le campagna.

Private partner network editori

Come mettiamo in atto il Private Partner Network in Performoney nel Finance?

Attraverso un metodo predittivo, selezioniamo una serie di intent e di bisogni, espressi in maniera diretta o latente, che il prodotto o servizi del tuo brand soddisfa. Una volta identificati questi bisogni, verranno selezionati solo gli editori rilevanti e meglio posizionati nei motori di ricerca. Questo garantisce una massima copertura sui motori di ricerca che, come abbiamo visto in questo articolo, è fondamentale nel 2022. In questo modo si creerà un network privato di partner, costruito su misura per il brand.

il metodo di performoney per il private partner network

I vantaggi di questo approccio sono molteplici:

  • la brand safety viene salvaguardata in quanto selezioniamo solo i migliori publisher meglio posizionati su specifici bisogni degli utenti.
  • per la data privacy, vengono utilizzati solo i dati minimi necessari per garantire il corretto tracciamento delle conversioni effettuate sul sito.

Si creerà un circolo virtuoso in cui il brand paga solo le conversioni generate e il publisher, per convertire, sarà motivato a creare contenuti di qualità ed interessanti che andranno a presidiare tutte le fasi del funnel di conversione dell’utente.

performance marketing funnel private network

In questo modo, il Brand coprirà tutti i risultati di ricerca per i bisogni degli utenti in ogni fase della customer journey e metterà in contatto i Clienti solo con i migliori publisher.

In conclusione..

Sebbene l’affiliate tradizionale performance-based risolva alcuni dei problemi del digital marketing, fallisce nell’approcciare due fondamentali tematiche:

  • brand safety
  • data privacy.

Inoltre, può generare danni di immagine al Brand e non supporta i Publisher, spesso abbandonati, con campagne non in target con il loro sito.

Per risolvere questi problemi, il Private Partner Network seleziona solamente gli editori meglio posizionati sui motori di ricerca in base ai bisogni che il prodotto del Brand soddisfa, creando Network su misura del brand.

Questo permette di evitare danni di immagine e problematiche di data privacy che nel Finance, soprattutto per GDPR e PSD2, sono di fondamentale importanza. Inoltre, il Brand viene associato a contenuti di qualità in ogni fase del Funnel, dall’informazione all’acquisizione, pagando solamente per le conversioni generate.